La Grande Bellezza – Sorrentino divide le platee

Quest’anno Cannes lascia dubbi, perplessità e pareri discordanti. Nel vortice dello straniamento cade anche il “nostro” Paolo Sorrentino, colto alla ricerca della sua “grande bellezza”. Alcuni lo accusano di superficialità, altri peggio, di vacuità, formalismo e penoso esistenzialismo, arrivando addirittura a considerare La Grande Bellezza, una commedia all’italiana destrutturata ed essiccata, affermazione che trovo assolutamente miope ed inappropriata. D’altro canto, i sostenitori di Sorrentino continuano, anche se non tanto rumorosamente quanto la controparte, ad elogiare il film, esaltandone l’estetica, il lirismo e la critica socio-culturale. Insomma due visioni nettamente discordanti della stessa materia. Come al solito le faziosità tendono ad inasprire i punti di vista, lasciando che il gusto personale vada ad inficiare le analisi oggettive e questo caso non fa eccezione.la-grande-bellezza-toni-servillo-in-una-scena-272271

Da sempre il cinema di Sorrentino è stato campo di battaglia di giudizi differenti; in più di una occasione sono sorti dubbi e perplessità intorno alle sue creazione e pensiamo subito al Divo oppure al recente This Must Be the Place, che sono sicuramente gli esempi più lampanti. Continua la lettura di La Grande Bellezza – Sorrentino divide le platee

Un’ora sola ti vorrei – Il cinema del documento

Un’ora sola ti vorrei è un documentario realizzato nel 2002 da Alina Marazzi, regista e artista contemporanea. Il progetto nasce molti anni prima, paradossalmente anche prima che l’autrice ne concepisse l’idea; un percorso di gestazione lungo un secolo, affrontato e tramandato di padre in figlio, attraverso catene di lasciti, che solo i legami sanguigni possono assicurare. Un cinema che rievoca la forza del documento, come medium capace di conservare tracce di vite passate e da esse rianimare i ricordi dei nostri cari, defunti o mai conosciuti. Un indagine, doppiamente esistenziale se si vuole, che restituisce ad una madre l’amore per la figlia e viceversa.Un ora sola - locandina

Continua la lettura di Un’ora sola ti vorrei – Il cinema del documento

L’uomo con i pugni di ferro – L’opera prima di RZA

Prima di entrare in sala per vedere il film non si può non concordare sul fatto che L’uomo con i pugni di ferro è un film che si presenta molto bene: Una gestazione di circa 10 anni, un cast che vanta i nomi illustri di Lucy Liu e Russell Crowe, Eli Roth come co-sceneggiature e la fiducia “convinta” di Quentin Tarantino. Un progetto che parte con i giusti requisiti e fa ben sperare, ma dopo i primi 10 minuti di scazzottate e “splatterismi” ci si inizia a fare una serie di domande, le stesse che ci porteremo irrisolte fino alla fine o fin dove l’interesse (o forse la speranza) nel trovarci un senso continua ad alimentare la nostra visione.

l-uomo-con-i-pugni-di-ferro-la-locandina-italiana-del-film-269780

 

Continua la lettura di L’uomo con i pugni di ferro – L’opera prima di RZA

Foals-Holy fire

È giunto il momento del terzo album per i Foals,dopo Antidotes,l’album d’esordio che li ha lanciati nel panorama Manistream e non,consolidando l’ottimo periodo per l’indie rock miscelato con il math e il debole “total life forever”,che costituisce un improvviso cambio di rotta per la band,che aveva deciso di seppellire i riff cervellotici che li aveva caratterizzati e di dare spazio ad atmosfere piu cremose.

foals2

Holy fire sembra avere calcato il  tracciato iniziato dal secondo LP,apportando però,ulteriori cambiamenti all’intero complesso sonoro ideato. Continua la lettura di Foals-Holy fire

Iron man 3 – Eroi da fumetto per un “nuovo” cinema digitale

Non c’è alcun dubbio, il cinema sta cambiando. Come al solito i primi sintomi provengono dalle major americane che hanno preso posizioni chiare ed inequivocabili a riguardo. La rivoluzione digitale non è più presente, ma già futuro ed apre scenari infiniti sugli esiti dell’evoluzione cinematografica. Paramount, Walt Disney, Universal sono state le prime a puntare sulla collaborazione della Marvel Studios per la realizzazione di saghe cinematografiche sui super-eroi “da fumetto”, che si sfiorano ed incrociano, in un grande disegno di cui non si vede ancora la fine. Iron Man 3 è l’ultimo prodotto della “catena industriale”, ma anche il primo film ad uscire nelle sale dopo il grande successo del crossover, The Avengers e quindi apre di fatto il secondo ciclo di film dedicati ai personaggi Marvel, destinato a concludersi (forse) con The Avengers 2.Ironman_3_poster2951 Continua la lettura di Iron man 3 – Eroi da fumetto per un “nuovo” cinema digitale